Hörður Björgvin Magnússon è nato a Reykjavik l’11 febbraio 1993, e da circa tre anni e mezzo è entrato a far parte del giro della Nazionale maggiore. E’ una vecchia conoscenza del calcio italiano: infatti, dopo aver lasciato l’Islanda giovanissimo, è stato ingaggiato neanche maggiorenne dalla Juventus. Successivamente lo abbiamo visto all’opera con le maglie di Spezia e Cesena, prima del suo trasferimento in Inghilterra. Attualmente veste la maglia del Bristol City, ed è fratello di Hlynur, centrocampista del Fram (dove lo stesso Hörður è cresciuto e ha debuttato in Pepsideild, il massimo campionato islandese). Hörður Magnússon conta 15 presenze e 2 reti con la maglia della Nazionale. C’era già nella spedizione ad Euro 2016, in cui però non è mai sceso in campo.

Hörður-Björgvin-Magnússon-football

Hörður Magnússon in una delle sue prime apparizioni con la maglia della Nazionale maggiore islandese (The Reykjavik Grapevine)

La carriera di Hörður Magnússon nei club

2009–2010: Fram Reykjavik, 6 (0)
2011–2013: Juventus 0 (0)
2013–2014: Spezia (prestito) 20 (0)
2014–2016: Cesena (prestito) 39 (1)
2016– Bristol City 52 (1)

La carriera di Hörður Magnússon con la nazionale

Presenze: 15
Reti segnate: 2

Debutto: 12 novembre contro Belgio, a Bruxelles, in amichevole. Vittoria Belgio per 3-1.

Curiosità

E’ il più giovane giocatore islandese ad aver giocato in Serie A (debutto con la maglia del Cesena a 22 anni), anche se era già stato tesserato dalla Juventus a 17 anni. Non si tratta però del più giovane calciatore islandese in assoluto in Italia, se consideriamo il carneade Samuel Pjeturson Thorsteinsson, che a 19 anni, nel 1912-1913, giocò alcune partite con il Naples, la squadra antenata del Napoli. Da notare che Thorsteinsson, pur essendo islandese, per gli annali risulta danese perché all’epoca l’Islanda faceva ancora parte del Regno di Danimarca. Del resto parliamo di preistoria calcistica.

E’ interessante anche notare come Magnússon in Nazionale venga principalmente utilizzato come terzino, nonostante il suo ruolo naturale sia quello di difensore centrale. Ultimamente sembra aver scalzato Ari Freyr Skúlason dal ruolo di titolare sulla fascia sinistra. Giocatore duttile, Magnússon è in grado di giocare anche davanti alla difesa. Contro la Croazia, nelle scorse qualificazioni mondiali, ha segnato il suo primo gol in Nazionale: un gol fondamentale, visto che ha permesso di battere i croati nello scontro diretto per il primo posto nel girone.